Newsletter del Sindaco di Lecco del 15 marzo 2019

/ marzo 15, 2019/ News, Sindaco

Tuteliamo l’ambiente per il futuro nostro e dei nostri figli

La questione ambientale è di quelle, oserei dire la più significativa, ad avere insieme una dimensione globale ed un carattere locale.

Un tema sempre verde, è il caso di dirlo, che purtroppo ha una cadenza altalenante nella sensibilità dei media. O sono i protocolli internazionali (Kyoto, Parigi, …) a dettare la linea oppure la sollecitazione viene da certi rigurgiti che, spesso, rischiano di restare imprigionati nella protesta.

L’argomento, invece, è da affrontare a viso aperto e con le politiche adeguate: dal Comune, alla Regione, al Parlamento sino ai grandi organismi internazionali si può mettere ogni giorno un mattoncino (è un… paradosso!) a una causa che non è enfatico definire riguardi i destini del mondo. La domanda non è mai retorica su quale futuro consegnare alle nuovegenerazioni.

Lo penso quando osservo i miei figli cercare la loro strada per la vita, lo ripenso ogni volta che sono chiamato a scelte pubbliche ed a definire soluzioni per i problemi di ogni giorno e per le scelte strategiche.

Oggi, venerdì 15, Lecco sta ospitando migliaia di giovani pervenuti dalla nostra provincia (analoga manifestazione a Merate) per dialogare su temi specifici che riguardano sia le politiche generali che l’ambiente nel quale viviamo. Global e local, come detto. Il momento è favorevole per trasformare la spinta emotiva, guidata dalla sedicenne Greta, per contagiare l’opinione pubblica nella convinzione che se l’ambiente è patrimonio di tutti, ciascuno deve provvedere  nel suo habitat personale e professionale a tutelarlo. So bene che dietro l’angolo c’è sempre il rischio dei massimalismi delle posizioni dogmatiche destinate a provocare scontro anziché l’incontro. In città posso dire che si sta lavorando sodo e che il nuovo assessore all’ambiente, uno del ramo, sta mettendo a fuoco obiettivi e interventi nel quadro di una rinnovata interpretazione locale che risale anche ai tempi di “Agenda 21” e dei riconoscimenti ottenuti sul piano nazionale ed internazionale. La sfida è aperta e alle legittime domande dei giovani e anche alle loro critiche, purché non siano pregiudizi , possiamo dare risposte concrete che riassumiamo nel Paesc recentemente approvato dal Consiglio, con ampio consenso e che include in sé i “comandamenti” di un piano destinato a consegnare ai futuri amministratori ed ai lecchesi di oggi e di domani un’agenda nella quale la parola “ambiente” apra ogni pagina, ogni giorno. L’ambiente si difende ora per ora, perché servono anche i piccoli gesti a comporre in un mosaico del rapporto tra l’uomo e la natura!

Venerdì sera a Lecco Pietro Grasso con “Storie di Sangue”

Tutti invitati ad assistere a una presentazione davvero da non perdere, quella in programma venerdì 15 marzo alle 21 all’auditorium Casa dell’Economia della Camera di Commercio di Lecco, un evento a ingresso gratuito promosso dal Comune di Lecco nell’ambito di Leggermente, la rassegna culturale di Assocultura Confcommercio Lecco.

Pietro Grasso sarà a Lecco nella sua veste di ex Magistrato in prima linea nella lotta alla mafia, per parlare del suo libro “Storie di sangue, amici e fantasmi – Ricordi di mafia” a più di venticinque dalle stragi di Capaci e di via D’Amelio: insieme a lui, con l’assessore alla cultura del Comune di LeccoSimona Piazza e il coordinatore accademico dell’Università Cattolica di Milano Matteo Bonacina, torneremo a percorrere le strade di Palermo, l’aula del Maxiprocesso, le campagne rifugio dei latitanti e le tante, troppe, scene del crimine in cui ha dovuto scorgere il cadavere di uomini dello Stato trucidati dalla mafia, di amici portati via troppo presto.

La prefazione al volume scritta del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, conosciuto da Grasso durante le sue indagini sull’assassinio del fratello Piersanti e ritrovato trentacinque anni dopo ai vertici delle istituzioni repubblicane, suggella questo libro, che non rinuncia all’emozione personale, ma vi affianca sempre l’analisi del magistrato e la prospettiva storica di chi ha molto riflettuto sul fenomeno mafioso.

Impariamo ad approfittare delle opportunità europee!

Il progetto SEAV – Servizi Europa di Area Vasta – Lombardia Europa 2020, promosso da ANCI Lombardia, Regione Lombardia e Provincia di Brescia prevede la creazione o il rafforzamento di servizi europei in tutti i territori provinciali lombardi per permettere agli enti locali che si organizzano a livello sovracomunale di cogliere le opportunità messe a disposizione dai finanziamenti comunitari. Il progetto, della durata di 30 mesi, è finanziato con complessivi 2 milioni di euro.

Questo progetto rappresenta un aiuto concreto rispetto alla necessità dei Comuni di dimensione piccola e media di conoscere i dettagli delle opportunità a loro disposizione ed essere dunque preparati, e supportati, nel cogliere le possibilità offerte dai finanziamenti comunitari, anche sviluppando sempre più fondamentali sinergie con la dimensione privata della nostra società. Il partenariato pubblico-privato acquisisce infatti anche in questo contesto una dimensione chiave sia sul fronte delle riqualificazioni e dei recuperi del patrimonio immobiliare pubblico, sia su quello delle infrastrutture, ambiti di intervento nei quali i Comuni devono cimentarsi sempre di più con una consapevolezza nuova che tiene conto delle nuove sfide e dei nuovi strumenti.

L’intenzione è quella di far crescere le competenze dei tecnici e funzionari degli enti locali anche a fronte di una proposta della Commissione per il prossimo periodo 2021-2017 di un aumento dei fondi per l’Italia del 6%, pari complessivamente a 43,4 miliardi di euro. Una grande opportunità che dobbiamo essere pronti a cogliere.

SPID sempre meno sconosciuta: evento di successo mercoledì

Un’iniziativa di successo, quella organizzata ieri in municipio prima e al centro Meridiana poi dalla rete dei servizi di comunicazione e partecipazione del Comune di Lecco.

Un centinaio persone nella giornata di ieri hanno infatti attivato SPID,acronimo di Sistema Pubblico di Identità Digitale, che offre credenziali uniche pensate per dialogare con la pubblica amministrazione attraverso i siti nazionali (Inps, Agenzia Entrate, etc.) e i portali web territoriali (Sistema Sanitario, Università, Biblioteche, etc.).

I cittadini che non avessero potuto approfittare di questa opportunità organizzata dell’ambito della Settimana dell’amministrazione aperta, promossa e coordinata dal Dipartimento della funzione pubblica del Ministero per la Pubblica Amministrazione, possono ancora attivare SPID tutti i mercoledì dalle ore 8.30 alle 15.30 in municipio e dalle 16 alle 19 al centro commerciale Meridiana, al primo piano di fronte alla scala mobile e, per maggiori informazioni, chiamare il servizio comunicazione al numero 0341 481397 oppure scrivere a segreteria.comunicazione@comune.lecco.it.

Job Week 2019: com’è andata all’Informagiovani?

La Job Week 2019, settimana dedicata al tema del lavoro promossa dall’Informagiovani del Comune di Lecco in collaborazione con la Consulta Informagiovani di ANCI Lombardia, ha consentito ai giovani, che hanno preso parte ai numerosi incontri organizzati, di intercettare in un’unica cornice alcune tra i più significative realtà che a Lecco operano nell’ambito della ricerca del lavoro.

Se da un lato la Job Week ha offerto ad alcuni ragazzi la possibilità di conoscere e interagire con una ricca pluralità di soggetti incaricati di mettere in connessione la domanda e l’offerta di lavoro, soprattutto giovanile, dall’altro ha consentito ad altri di scoprire e prendere contatti con interessanti opportunità di ulteriore crescita formativa.

All’iniziativa “L’estate addosso-Summer Job” 5 differenti agenzie hanno presentato occasioni di lavoro estivo in Italia interagendo, a gruppi, con diverse decine di ragazzi, mentre con “Let’s Move” ben 13 agenzie specializzate si sono confrontate con una cinquantina di giovani interessati a conoscere le opportunità di lavoro e formazione all’estero.

Terminata con successo la Job Week, prosegue invece l’attività dell’Informagiovani nell’ambito del supporto alla ricerca del lavoro. Per prendere contatti con il servizio basta telefonare al numero 0341 493790 oppure scrivere a informagiovani@comune.lecco.it.

Mai soli se solidali “racconta” le chiuse di via Carlo Porta

Il pannello scoperto mercoledì mattina all’altezza delle chiuse di via Carlo Porta è l’ennesimo risultato, frutto del progetto di collaborazione Mai soli se solidali che ha, è proprio il caso di dirlo, ridisegnato una delle vie pedonali più trafficate di Lecco.

Di seguito il racconto delle chiuse nelle parole degli studenti del liceo classico e linguistico Manzoni di Lecco, che hanno collaborato alla realizzazione del pannello, disponibile sia in lingua italiana, sia online in lingua inglese, insieme a Comune di LeccoUniversità di Lecco per adulti e terza età e Lions Distretto 108 Ib 1:

Il Gerenzone, il Caldone, il Bione, insieme agli altri corsi minori, hanno svolto un ruolo importante nel delineare il paesaggio urbano di chiusa 4 Lecco e nel costruire un complesso sistema di attività e di relazioni sociali. Riscoprire l’acqua vuol dire capire la città; ecco perché abbiamo “dato voce” all’acqua del Caldone. Il piccolo fiume scende da Morterone e, attraversata la Val Boazzo riemerge al Passo del Lupo, poco sopra un’area ancora verde dove vi è la chiesa di Sant’Egidio. Dall’abitato di Bonacina, zona a carattere agricolo fino alla metà dell’Ottocento, iniziamo a seguire il Caldone. Lo sfruttamento meno intensivo di questo corso d’acqua rispetto ad altri è testimoniato nel 1725 da un libretto in cui il Dott. Roncalli dimostra che l’acqua del Caldone, per la presenza di nitro e ferro, è in grado di curare problemi intestinali e di favorire la diuresi. Alla fine dell’Ottocento il muro alle nostre spalle avrebbe costeggiato il giardino, l’abitazione e la fabbrica di Cesare Mauri che, sfruttando l’energia idraulica del Caldone, produce cioccolata e confetture, oltre che specialità quali i biscottini Promessi Sposi molto apprezzati e venduti nella sua pasticceria situata nel tratto finale di via Cavour. Anche quella oggi è scomparsa. Il lavoro ingegneristico di canalizzazione dei torrenti lecchesi è costituito da chiuse e paratie che regolano il flusso e il deflusso dell’acqua. È molto probabile che le prime opere di deviazione del Caldone siano motivate da necessità private legate alla produzione agricola oppure all’utilizzo dell’acqua quale forza motrice per le ruote dei mulini. Solo in un secondo momento la forza idraulica del Caldone muove magli, ruote idrauliche e macchine di opifici. Ciò che ancora rimane visibile di fronte a noi sull’altra sponda del torrente sono parti del sistema di canalizzazione del Caldone che alimentava la produzione dapprima di una segheria, poi della cartiera Cima. Quest’ultima, sfruttando la presenza di due dinamo e una turbina appartenute alla precedente segheria, trasferisce in questa zona centrale, vicino alla stazione ferroviaria, alcune fasi della lavorazione della carta. La fabbrica Cima si stendeva con i suoi fabbricati in una vasta area fino al Caleotto, oggi in parte occupata degli edifici della Casa don Guanella, mentre nell’edificio d’angolo che ancora oggi si affaccia su via Digione erano la sede di rappresentanze della cartiera e i magazzini.

Lecco, Enrico Derflingher e il turismo enogastronomico

Presentata il 3 marzo scorso a Milano la nuova prestigiosa Guida Euro-Toques Italia nell’ambito di un evento che ci è servito anche da occasione di confronto sul ruolo, per così dire “territoriale” dei cuochi, come promoter del turismo enogastronomico.

E alla guida di Euro-Toques, fondata in Italia da Gualtiero Marchesi sulla scorta del sodalizio internazionale che rappresentò il primo tentativo di un confronto tra cuochi per trovare un modello comune di comportamento, troviamo lo chef “laghée” Enrico Derflingher (e altri stimati chef del nostro territorio).

Nato a Lecco  nel 1962, Enrico Derflingher è uno dei più grandi chef italiani al mondo. Diplomatosi nel 1977 all’istituto alberghiero di Bellagio, ha compiuto un preziosissimo percorso di formazione nei grandi alberghi e nei ristoranti stellati di tutto il mondo fino a diventare a soli 27 anni chef personale della Casa Reale Inglese e, nel 1991, chef della Casa Bianca.

I successi professionali di questa incredibile eccellenza lecchese non si contano. Nel 2008 è stato premiato quale migliore chef del mondo; presidente Euro Toques Italia dal 2012, è anche presidente Euro Toques International.

Cosa altro augurarci se non che un orgoglio lecchese di questo spessore e fama offra un’occasione in più di riflessione sulla necessaria valorizzazione di quel connubio tra promozione del territorio ed enogastronomia che rappresenta una delle più interessanti e fruttifere sfide dei giorni nostri.

Associazione Volontari Pensionati Lecchesi: nuovo direttivo

A seguito delle votazioni effettuate in occasione dell’assemblea di febbraio, lunedì si è riunito il nuovo Consiglio Direttivo dell’AVPL, che rimarrà in carica fino al 2021 e che sarà composto dal presidente Fabio Poncia, dalla vice presidente Silvana Ravasio, dal segretario Marco Sangalli, dai consiglieriDaniela Laurenti, Gianfranco Sacchi, Giuseppe Valsecchi e dal tesoriereLuciano Ghezzi, con Maria Rosa Longhi revisore dei conti.

Buon lavoro al nuovo consiglio direttivo dell’operosissima associazione lecchese, nata nel 1996 e impegnata da anni anche in diverse attività realizzate in collaborazione con il Comune di Lecco, fra gli altri negli ambiti della biblioteca, dei musei, del verde cittadino e naturalmente dell’organizzazione di iniziative differenti, pensate proprio per gli over 60 di Lecco.

Intere giornate a Lecco racchiuse in 1 minuto…

Vi segnalo un nuovo brevissimo video realizzato a Lecco con la tecnica deltimelapse da Irina Tirdea, Mohsen Moghaddas e Mahyar Molayan, nel quale ancora una volta la nostra città è protagonista di un prodotto che ne mette in evidenza la bellezza con una tecnica in grado di esaltare sfumature magiche. È sempre un piacere!

Gli appuntamenti del fine settimana e oltre

Pescarenico in fiore è un evento che coinvolge realtà e luoghi significativi del quartiere, stimola occasioni di incontro, di conoscenza e di scambio. Coinvolge anche famiglie e cittadini desiderosi di partecipare attivamente. Il 21 marzo esponi sul balcone, al davanzale della finestra, sulla recinzione del giardino o sulla porta di casa fiori fatti a mano, secondo il tuo gusto e creatività!

I momenti in programma:

ore 9 / Giglio: LUOGHI DELLA MEMORIA
Collegamento in streaming con la manifestazione nazionale di Padova per la Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

ore 15 / Piazza Padre Cristoforo: FIORI DELLA LEGALITÀ
Lettura di nomi di donne, vittime innocenti delle mafie, in collaborazione con Libera e gli studenti del liceo musicale G.B. Grassi

ore 16: PASSEGGIATA RESPONSABILE PER PESCARENICO
Camminata per via Maggiore, piazza del Pesce, piazza Era, via dei Pescatori, fino all’oratorio (ingresso da via del Guado 10)

ore 16.30 / Oratorio di Pescarenico: MOMENTO CONVIVIALE
Tra generazioni, a cura di AVPL

ore 17 / Oratorio di Pescarenico: PER QUESTO MI CHIAMO GIOVANNI
Spettacolo teatrale a cura de Lo Stato dell’Arte, con il contributo del Centro di Promozione della Legalità, Regione e Ufficio Scolastico Regionale

dal 21 al 28 marzo: ETERNE FIORITURE
Mostra di acquarelli botanici a cura di Alis Agostini presso Cornici & Stampe in corso Martiri della Liberazione, 180 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 19.

LABORATORI FLOREALI saranno organizzati ancora lunedì 18 marzo dalle 14 alle 16.30 al Giglio con AVPL, martedì 19 marzo dalle 10 alle 12 in Oratorio con CSE Artimedia 1 e dalle 14 alle 16 al Centro Diurno L’Aquilone e al Centro Ricreativo Il Girasole – Asvap di via Ghislanzoni 28 e mercoledì 20 marzo dalle 10 alle 12 con il Progetto Penelope

Giornata internazionale della donna

Continua la riflessione sulla donna avviata a partire dalla Giornata internazionale di venerdì 8 marzo: questa sera  alle 18, nella sala consiliare dal palazzo comunale di Lecco si terrà l’incontro intitolato “L’immagine femminile nella pubblicità e gli stereotipi di genere”, una seduta aperta a tutti della Commissione Pari opportunità del Comune di Lecco, alla quale vi invito a partecipare.

Mostre:

“Nel segno della montagna”: mostra fotografica a Palazzo delle Paure dedicata alla montagna con gli scatti di Raffaele Bonuomo, Giuliano Cantaluppi, Pietro Sala, Giandomenico Spreafico e Giovanni Ziliani. Visitabile fino al 14 aprile.

Planetario di Lecco:

  • venerdì 15 marzo alle 21: conferenza “Stonehenge  e dintorni. Cosa c’è di credibile?” con Elio Antonello, presidente della Società Italiana di Archeoastronomia, nonchè astronomo dell’osservatorio di Merate;
  • sabato 16 marzo dalle 15 alle 16:30: il sabato dei bambini dedicato al Piccolo Principe
  • domenica 17 marzo alle 16: proiezioni in cupola.

In memoria di Nicholas Green

Sabato 16 marzo alle 11:30 Reginald Green, padre di Nicholas Green, il bambino statunitense ucciso in Italia nel 1994 e che, con la donazione dei suoi organi, ha salvato la vita a ben sette italiani, farà visita al parco di via Pizzi, intitolato proprio al figlio nel novembre del 1996.

Domenica 17 marzo è in programma l’ormai tradizionale Duathlon Sprint Città di Lecco,  manifestazione sportiva di grande richiamo, che mette in mostra qualità tecniche assolute in un contesto ambientale unico come il lungolago e il centro storico di Lecco, teatro di gara inimitabile che, abbinato alla formula multi-lap garantisce spettacolarità alla competizione organizzato dalla SSD Spartacus Triathlon Lecco con il patrocinio del Comune di Lecco. A questo collegamento le modifiche alla viabilità.

Martedì 19 marzo al cineteatro Palladium, per la prosa arancio della stagione teatrale “Il Teatro della Società è in città”, è in programma lo spettacolo “Romeo e Giulietta” con Marco Zoppello, Michele Mori, Anna De Franceschi e la regia di Zoppello.

Giovedì 21 marzo in vista dell’ora della terra 2019, in programma per il 30 marzo, la Cooperativa Eco86 che gestisce il servizio Piedibus invita genitori, nonni e insegnanti a lasciare a casa l’auto e accompagnare i bambini a scuola.

Fuori porta:

sabato 16 e domenica 17 marzo a Bellagio con “Bellagio bue&green, di fiori, di giardini e di altre delizie sul lago di Como” saranno in mostra gli acquarelli della pittrice Silvana Rava, Premiata nel 2008 Londra dalla Royal Horticultural Society con la Gold Medal. Un’occasione unica per ammirare la delicatezza delle sue opere dal vivo.

Share this Post

Leave a Comment