Newsletter del Sindaco di Lecco del 22 febbraio 2019

/ febbraio 22, 2019/ News, Sindaco

A 50 anni dalla tragedia del San Martino

Un anniversario tragico, quello che cade nella giornata di domani e che riporta Lecco a quella notte di 50 anni fa, a quel maledetto sabato grasso del 1969 in cui una frana si staccò dal monte San Martino, causando la morte di ben 7 persone. Quel tragico evento accentuò la paura che la montagna, richiamata dall’Abate Stoppani ne “Il bel Paese” e dallo stesso Alessandro Manzoni, potesse per davvero segnare il destino della fascia urbana sorta ai suoi piedi.

Da allora infatti abbiamo guardato al San Martino con ancor più attenzione, la “missione” amministrativa divenne quella di ingabbiare il monte marcio e di costruire un vallo che, letteralmente, “parasse” i massi che incombevano minacciosi.

In questo trovo doveroso riconoscere il ruolo e l’impegno del compianto onorevole Vittorio Calvetti, relatore della legge per il San Martino e, insieme, della salvaguardia dei Sassi di Matera. Inoltre chi governò il Comune dopo quegli anni (il Sindaco di allora era Alessandro Rusconi) si trovò ad affrontare le varie fasi di un’opera e di un cantiere sempre aperto.

Un’attenzione, quella per il San Martino, che in questi anni è tutt’altro che venuta a mancare e che ha portato, fra le altre cose, agli interventi da poco conclusi a Rancio e in località Pradello, dove sono state realizzare le opere di manutenzione straordinaria delle reti paramassi presenti e sono state posizionate nuove installazioni a protezione della caduta massi. 1,2 milioni di euro stanziati, la proficua collaborazione di Comune e Regione che ha finanziato i lavori, e la determinazione di chi sa che la prevenzione, in questo ambito, è tutto. I lavori, iniziati il 7 giugno 2018, sono proseguiti ininterrottamente per tutta l’estate e sono terminati a gennaio. Toccherà ai prossimi amministratori ricordarsi sempre (e non ho il minimo dubbio che lo faranno) che il monte è geologicamente fragile e che la vigilanza deve essere sempre attenta e lungimirante.

Oggi possiamo dire che ogni respiro del San Martino è monitorato – in collaborazione con il Politecnico di Milano Polo di Lecco –  e che non è più un pericolo per i lecchesi che, anzi, lo frequentano con cadenze persino quotidiane. Va inoltre da sé che il San Martino per la sua natura, l’effetto simbolo che ha non solo per i lecchesi e anche per quella tragedia umana, non è mai stato terreno di scontro politico.

Un monte tenuto bene, salvaguardato e assistito sul piano ambientale, anche grazie all’azione instancabile di gruppi di volontari che, con un occhio ai boschi e un altro alla Cappelletta che guarda Lecco dall’alto, permettono di considerare il San Martino come una bellezza ed una risorsa della nostra terra.

Ma, sul fronte della prevenzione, gli ambiti di intervento non mancano e non si limitano al rischio di cedimenti a cui la montagna ci ha purtroppo abituato. La prevenzione dei fenomeni di dissesto idrogeologico è materia complessa, alla quale ci dedichiamo da tempo anche in partnership con una realtà presente sul nostro territorio, in grado di distinguersi per innovazione a livello nazionale e oltre i confini italiani. Parlo del Politecnico di Milano e colgo questa nefasta occasione per ricordare anche un altro progetto di monitoraggio condiviso con la Provincia di Lecco, finanziato da Fondazione Cariplo e dedicato ai torrenti di Lecco. Mi riferisco all’ormai nota sperimentazione dei cosiddetti “sassi gialli”, pietre prelevate dal torrente Caldone, implementate con dei transponder RFID e ricollocati negli alvei per studiarne i movimenti e raccogliere preziose informazioni sulle dinamiche collegate con il trasporto dei solidi. Questo permette di ricostruire dei modelli di comportamento applicabili nella prevenzione delle esondazioni che si verificano in città in concomitanza di eventi meteorologici intensi.

Un lavoro costante, continuo, silenzioso e dietro le quinte, quello collegato con la prevenzione dei fenomeni naturali potenzialmente pericolosi per l’incolumità della nostra comunità. Un lavoro che non ci stancheremo mai di promuovere e sostenere, perché eventi come quello del febbraio 1969, non abbiano a ripetersi.

Lecco a Roma all’incontro “Sindaci a Montecitorio”

Questa mattina a Roma l’aula di Montecitorio, riservata alla Camera dei Deputati, ha ospitato Sindaci e presidenti del Consiglio comunale provenienti da tutta Italia, per un incontro organizzato e promosso da ANCI, intitolato “Lo Stato dei beni Comuni”.

Per il Comune di Lecco, è intervenuto il presidente del Consiglio comunaleGiorgio Gualzetti, nella foto con tutti gli amministratori locali della provincia di Lecco intervenuti: i sindaci di Garbagnate Monastero Sergio Ravasi, PasturoGuido Agostoni e Erve Giancarlo Valsecchi, insieme ad altri 30 amministratori locali lombardi.

Fra gli altri, in programma gli interventi del presidente della Camera dei deputati Roberto Fico, del presidente dell’ANCI Antonio Decaro e del presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, per un’iniziativa nata con lo scopo di attivare un confronto concreto sulle principali tematiche quotidianamente all’attenzione degli Enti Locali e dei loro amministratori.

Ventidue Alberi: consegnate le targhe in Municipio

Consegnate questa mattina in Municipio le targhe dei 22 alberi donati da Linee Lecco alle 22 scuole lecchesi, che ne hanno assunto la proprietà e la paternità simbolica, per un’iniziativa promossa e realizzata dagli assessorati all’ambiente, all’istruzione e al patrimonio del Comune di Lecco.

Affidare simbolicamente questi alberi alla cura dei ragazzi di tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado di Lecco rappresenta un  modo per sensibilizzarli, responsabilizzarli ed educarli alle tematiche ambientali, fronti sui quali le giovani generazioni dovranno confrontarsi sempre di più.

Questa mattina, nel parco Nicolas Green di via Appiani, sono stati piantumati i primi due alberi assegnati agli studenti delle scuole “E. De Amicis” e  “T . Grossi”, gli altri 20 esemplari saranno posti a dimora in altre 4 location cittadine:

Nuova campagna contro il gioco d’azzardo

Il comitato CSI di Lecco promuove tra i gruppi e le associazioni sportive del territorio una nuova campagna di sensibilizzazione in favore dei valori positivi dello sport in contrapposizione alle conseguenze deleterie della ludopatia.

La campagna, intitolata “L’azzardo azzanna”,  già sperimentato lo scorso aprile in occasione delle finali provinciali del campionato open femminile di pallavolo tenutesi a Vercurago, ripartirà proprio questo fine settimana e proseguirà fino al 3 marzo, coinvolgendo 5000 atleti dei campionati di calcio, pallavolo, e basket Open, Top Junior e Juniores.

Su tutti i campi della provincia di Lecco, attraverso la campagna, gli arbitri consegneranno agli atleti materiale informativo contenente un QR Code per poter aderire alla “Carta dei Valori” contro i giochi d’azzardo.

Tutto esaurito al Palladium con Debora Villa

Grande successo di pubblico per lo spettacolo di Debora Villa andato in scena mercoledì al Cineteatro Palladium di Lecco: platea delle grandi occasioni per“Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere”.

Lo spettacolo, inserito nel calendario della Stagione teatrale 2018-2019 Il Teatro della Società è in città, ha portato in scena un adattamento teatrale del bestseller dello psicologo americano John Gray.

Un’esilarante terapia di gruppo collettiva condotta dalla comica milanese che ha travolto il pubblico con la sua irriverenza e ironia: applausi e risa per una serata all’insegna del divertimento di qualità.

A Lecco anche le telecamere di Geo&Geo!

Dopo la quattro giorni lecchese della produzione televisiva del noto programma di RAI UNO  Linea Verde Life, che dedicherà un’intera puntata alla nostra città, e le riprese girate a Villa Manzoni dalle telecamere di Rete 4 per Parola di Pollice Verde, ecco approdare a Lecco una nuova produzione televisiva, quella di RAI TRE per la nota trasmissione Geo&Geo.

La troupe al seguito del conduttore Francesco Petrelli, accompagnata daRenato Ornaghi, dell’associazione Cammino di Sant’Agostino di Monticello Brianza, ai Piani Resinelli e poi a Pescarenico, da piazza Era al ponte Azzone Visconti, ha raccolto una serie di immagini e suggestioni, atte a valorizzare i temi leonardeschi presenti sul nostro territorio, per una puntata dedicata proprio al “Sentiero di Leonardo” nel 500° anno dalla scomparsa del genio.

Le Lucie “aprono” il Carnevale di Venezia

Inaugurato domenica scorsa, il celebre Carnevale di Venezia ha preso le mosse da una sfilata d’apertura alla quale anno partecipato anche le imbarcazioni storiche lecchesi del Gruppo Manzoniano Lucie.

Invitati a prendere parte, con due imbarcazioni intitolate a Vercurago e Garlate, al corteo inaugurale che ha percorso il Canal Grande da piazza San Marco fino a Cannaregio, le Lucie  hanno animato la coloratissima sfilata, con a bordo figuranti in costumi tradizionali d’epoca e dei personaggi de “I Promessi Sposi”.

Una vetrina importante, quella del seguitissimo Carnevale veneziano, nonché  un’occasione per far conoscere e rivivere nella laguna le tradizioni del nostro territorio!

Sabato inaugura “Nel segno della montagna”

Sabato 23 alle 18 inaugura la stagione 2019 delle mostre al Palazzo delle Paure l’esposizione Nel segno della montagna, promossa dal Comune di Lecco, in collaborazione con Assocultura-Confcommercio in occasione del Festival Leggermente.

La mostra curata da Luigi Erba, Barbara Cattaneo e Daniele Re propone gli scatti dedicati alla montagna, alle sue cime e alle sue vette, tanto care ai lecchese, frutto della generosità di importanti fotografi: Raffaele Bonuomo, Giuliano Cantaluppi, Pietro Sala, Giandomenico Spreafico e Giovanni Ziliani, che con le loro donazioni hanno arricchito il patrimonio della fototeca del SiMUL, composto da oltre 3000 fotografie e lastre in vetro relative al paesaggio lecchese, alla storia dei suoi abitanti e del territorio, tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento.

Una montagna contemporanea, familiare e personale quella narrata dai quattro fotografi, con un omaggio ai precursori del genere: Mariani, Pessina e Ziliani, che hanno inaugurato la fortunata stagione della fotografia di montagna lecchese, tra i primi ad essersi avvicinati alla materia allontanandosi dallo stereotipo pittorealista imperante, trattandola piuttosto come luogo identitario, dello spirito, la cui restituzione fotografica viene resa attraverso stilemi compositivi personali, che implicano una visione intima del tema.

Per il mese di marzo sono previste attività didattiche per le scuole e due incontri di approfondimento con i curatori della mostra.

Ai Piani di Bobbio un bronzo alla nostra Polizia Locale!

Si è svolta questa mattina ai Piani di Bobbio la 23° edizione del Trofeo Interforze di sci.

Gli agenti dei corpi delle Forze di Polizia in servizio a Lecco si sono sfidati in diverse prove e categorie, organizzate dal Comitato Interforze Tempo Libero con il patrocinio del Comune di Lecco.

Nella prova di Snowboard, sul terzo gradino del podio per il corpo di Polizia Locale del Comune di Lecco è salito Mohamed El Barij, nella foto con l’assessore allo sport Roberto Nigriello.

Complimenti!

Gli appuntamenti del fine settimana e oltre

Venerdì 22 alle 20.30 al teatro Cenacolo Francescano, in piazzale dei Cappuccini 3 a Lecco, si terrà il primo incontro del progetto “Scuola Genitori” dedicato a genitori, educatori e insegnanti: “I nativi digitali non esistono” con il pedagogista Daniele Novara che tratterà il tema attuale dell’educazione dei figli all’utilizzo delle nuove tecnologie.

Venerdì 22 alle 21 a Lecco in sala Don Ticozzi è in programma l’incontro “Ricercare per curare” con Pierluigi Strippoli, docente di biologia applicata presso l’Università di Bologna, sul ruolo della ricerca biomedica al tempo della manipolazione dell’uomo.

Sabato 23 febbraio alle 9:30 presso l’istituto Maria Ausiliatrice, si terrà un convegno della Caritas – zona pastorale III, intitolato “Io non sono razzista però…” e dedicato a una riflessione sul cambiamento culturale in atto.

Sabato 23 febbraio alle 20:45 presso l’Auditorium Casa dell’Economia di via Tonale si terrà un concerto a pianoforte che sarà eseguito da Andrea Cantù, promosso dai Rotary club Lecco, Lecco Le Grigne, Lecco Manzoni e Colico.

Domenica 24 ritorna  il Raduno Invernale da Morterone al Resegone, al quale parteciperò anch’io, organizzato dal Comune di Morterone e con il patrocinio, tra gli altri, del Comune di Lecco.

Martedì 26 alle 21 il Gruppo Gamma e la Sezione UOEI di Lecco propongono al Cineteatro Palladium di Castello la serata “Alpinismo sull’orlo dei sogni” con gli alpinisti Luka Lindic e Ines Papert.

Mostre:

Sabato 23 alle 18 si inaugura a Palazzo delle Paure la mostra  “Nel segno della montagna” con le nuove donazioni alla fototeca del Si.M.U.L. In mostra gli scatti dedicati alla montagna dei fotografi Raffaele Bonuomo, Giuliano Cantaluppi, Pietro Sala, Giandomenico Spreafico e Giovanni Ziliani. L’esposizione sarà visitabile fino al 14 aprile da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 19 al costo d’ingresso di 2 euro.

#WaterReporter: la natura dell’acqua. Resta visitabile fino al 9 marzo la mostra fotografica allestita nel cortile del Municipio con i venti scatti selezionati, sul tema dell’acqua e della sostenibilità nel territorio della Provincia di Lecco, all’interno del concorso fotografico di Lario Reti Holding per il 10° anniversario di attività, in collaborazione con LifeGate.

Al Planetario di Lecco:

  • Venerdì 22 alle 21 la conferenza “L’uomo su Marte” a cura di Laura Proserpio.
  • Domenica 24 alle 16 proiezione in cupola “La via lattea invernale”.
Ricevi questa newsletter perché sei iscritto alla newsletter
Share this Post

Leave a Comment